Sandro Chia

L'esercito dell'imperatore

16 Maggio - 19 Luglio 2019

Area/B

SANDRO CHIA. L’ESERCITO DELL’IMPERATORE

a cura di Alberto Fiz

apre la nuova sede della galleria Area\B

Milano, via Passo Buole 3

opening giovedì 16 maggio, ore 18.30

17 maggio - 19 luglio 2019

 

La mostra “Sandro Chia. L’esercito dell’imperatore”, dedicata a uno dei più noti protagonisti della Transavanguardia, inaugura il nuovo spazio milanese della galleria Area\B.

Dal 17 maggio al 19 luglio 2019 viene proposta un’accurata selezione dei guerrieri di XI’AN che si presentano così per la prima volta al collezionismo privato dopo una serie di mostre pubbliche. In mostra, sei guerrieri in terracotta policroma a dimensione naturale e un cavallo, esposti insieme ad una serie di dipinti di grandi dimensioni.

La scelta per l’esposizione di apertura, curata da Alberto Fiz, coinvolge uno degli artisti italiani maggiormente conosciuti e s’inserisce nella programmazione di una galleria che aggiunge all’originario interesse per le ricerche emergenti una specifica attenzione per autori storicizzati e consolidati.

Avvicinandosi a Brenta, uno dei quartieri in maggior fermento del capoluogo meneghino – quello della Fondazione Prada – la giovane gallerista Isabella Tupone amplia i propri spazi – la superficie raggiunge i 400 mq – e li dota di soluzioni tecnologiche all’avanguardia per l’esposizione e la conservazione delle opere.

La personale di Chia rappresenta l’occasione per riflettere su un’esperienza artistica di particolare significato in cui l’artista si appropria dell’archeologia per decontestualizzarla e, nello stesso tempo, attualizzarla.

Com’è noto, i guerrieri dell’esercito di terracotta risalenti al III secolo a.C., scoperti per caso da un contadino durante lo scavo di un pozzo, costituiscono uno dei più importanti rinvenimenti – il sito ne ospitava 500 con oltre cento cavalli – della storia cinese inseriti nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’Unesco.

Su questi soldati d’argilla provenienti dalla regione di XI’AN, destinati a servire il primo imperatore cinese Qin Shi Huang nell’aldilà, Chia ha realizzato un intervento pittorico consentendo di evocare la matrice originale rispetto ad esemplari che già alla loro nascita erano dipinti con colori vivaci.

L’artista fiorentino ha voluto immaginare nuovamente l’esercito cinese e dopo aver realizzato, tra il 2009 e il 2010, una serie di copie fedeli in terracotta, le ha svelate attraverso un uso trasgressivo del segno pittorico. La sua azione, accompagnata da colori forti, dall’arancione al blu elettrico, permette di dare una seconda vita ai soldati dell’imperatore che diventano, a 2000 anni di distanza dalla loro creazione, icone della contemporaneità, come se si fossero svegliati da un lungo sonno.

“Chia agisce sulla pelle della scultura – spiega il curatore Alberto Fiz – con innesti, tatuaggi e improvvise contaminazioni (si potrebbe persino parlare di body painting) lasciando immutato il corpo originale. In tal senso, la sua azione appare carica di forte ambiguità dove lo svelare porta con sé un’azione di occultamento. In tal modo, la nostalgia verso l’antico diventa catartica per rileggere la realtà di oggi. L’artista toscano, dunque, costruisce i suoi mascheramenti e ci invita ad osservare l’esercito risorto, ben consapevole che la sua pittura assume un potere linguistico destabilizzante”.    

Completa la mostra un catalogo edito da Magonza, con testo critico del curatore Alberto Fiz, la riproduzione delle opere esposte, la documentazione del sito archeologico originale, le vedute dell'allestimento e gli apparati bio-bibliografici.

 

Sandro Chia – cenni biografici

Sandro Chia nasce a Firenze il 20 aprile 1946. Vive e lavora tra Miami, Roma e Montalcino (SI).

Frequenta l’Istituto d’Arte e si diploma all’Accademia delle Belle Arti di Firenze nel 1969.

Dopo aver viaggiato in India, Turchia ed Europa, nel 1970 decide di stabilirsi a Roma.

Negli anni Settanta comincia a esporre a Roma e in Europa. Agli esordi il suo lavoro è legato all’arte concettuale ma presto se ne distanzia a favore della scoperta del linguaggio pittorico, attirando l’attenzione della critica italiana e internazionale.

Negli anni Ottanta diventa uno dei protagonisti del gruppo della Transavanguardia, movimento teorizzato da Achille Bonito Oliva.

Tra il 1980 e il 1981 lavora a Mönchengladbach in Germania per poi trasferirsi a New York, dove vive per oltre due decenni pur tornando frequentemente in Italia a Ronciglione (VT) e, in seguito, a Montalcino (SI).

È stato invitato a esporre alle Biennali di Parigi e San Paolo e, più volte, alla Biennale di Venezia.

Tra gli importanti musei che gli hanno dedicato mostre personali si ricordano: Stedelijk Museum of Amsterdam (1983), Metropolitan Museum di New York (1984), Nationalgalerie di Berlino (1984, 1992), Museo d’Arte Moderna di Parigi (1984), Musei di Düsseldorf (1984), Anversa (1989), Città del Messico (1989), Palazzo Medici Riccardi di Firenze (1991), Musei di Karlsruhe (1992), Palm Springs (1993), Villa Medici a Roma (1995), Palazzo Reale a Milano (1997), MOMA di Boca Raton, Florida (1997), Galleria Civica di Siena (1997), Galleria Civica di Trento (2000), Museo d’Arte della città di Ravenna (2000), Museo Archeologico Nazionale di Firenze e Palazzo Pitti (2002), Duomo di S. Agostino a Pietrasanta (2005), Boca Raton Museum of Art in Florida, USA (2007), Gemeentemuseum dell'Aia, Paesi Bassi (2008), la partecipazione alla 53° Biennale di Venezia (2009), Pinacoteca comunale Casa Rusca di Locarno (2018).

Scheda della mostra

Titolo                                     Sandro Chia. L’esercito dell’imperatore

A cura di                                Alberto Fiz

Sede                                      galleria Area\B, Via Passo Buole 3, 20135 Milano

Date                                       17 maggio - 19 luglio 2019

Inaugurazione                       giovedì 16 maggio, ore 18.30

Orari                                      lun-ven, h. 10-18, sabato su appuntamento, domenica chiuso.

Ingresso                                 libero

Info al pubblico                        Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | +39 02.58316316 | www.areab.org

Catalogo                                  Magonza Editore con testo critico di Alberto Fiz

Ufficio stampa                       NORA comunicazione - Eleonora Caracciolo di Torchiarolo