Massimiliano Zaffino

< Tutti gli artisti

  • Passaggio improvviso di bolidi laser e finestra spazio temporale, 2021. Olio su tela (50x45 cm)
  • Azione di contenimento lama di fuoco e pratica chiarificazione prerogativa di un mondo dissonante, 2021. Olio Su Tela (85x70 cm)
  • Intrattenimento campestre fatto di ricordi con il ponte luminoso spaziale, 2020. Olio su tela (105x85 cm).
  • Parco costituito da zone alberate, attrezzatura giochi e arco a levitazione laser, 2019. Olio su tela (125x85 cm).
  • Riflessi insoliti mostrano cascata irreale, 2019. Olio su tela  (80x120 cm)
  • Interazione Visiva Di Paesaggio Con Scambio Temporale Di Ruoli Azioni. Diagonali, 2021. Carta E Colla (37x28 cm)
  • Interazione Visiva Di Paesaggio Con Scambio Temporale Di Ruoli Azioni Villaggio 2018. Carta E Colla (29,5x34,5 cm)
  • Tratti di paesaggio salgono e si uniscono, lontano una strada d'asfalto, 2019. Olio su tela (120x110 cm)
  • Vortice Indefinito Scavalca Bagnanti Durante Una Mattina Afosa, 2020. Olio su tela (120x80 cm)
  • Piccola caverna conduce due amanti ad ammirare l'insolito lago,  2020. Olio su tela (125x100 cm)
  • Passaggio improvviso di bolidi laser e finestra spazio temporale, 2021. Olio su tela (50x45 cm)

  • Azione di contenimento lama di fuoco e pratica chiarificazione prerogativa di un mondo dissonante, 2021. Olio Su Tela (85x70 cm)

  • Intrattenimento campestre fatto di ricordi con il ponte luminoso spaziale, 2020. Olio su tela (105x85 cm).

  • Parco costituito da zone alberate, attrezzatura giochi e arco a levitazione laser, 2019. Olio su tela (125x85 cm).

  • Riflessi insoliti mostrano cascata irreale, 2019. Olio su tela (80x120 cm)

  • Interazione Visiva Di Paesaggio Con Scambio Temporale Di Ruoli Azioni. Diagonali, 2021. Carta E Colla (37x28 cm)

  • Interazione Visiva Di Paesaggio Con Scambio Temporale Di Ruoli Azioni Villaggio 2018. Carta E Colla (29,5x34,5 cm)

  • Tratti di paesaggio salgono e si uniscono, lontano una strada d'asfalto, 2019. Olio su tela (120x110 cm)

  • Vortice Indefinito Scavalca Bagnanti Durante Una Mattina Afosa, 2020. Olio su tela (120x80 cm)

  • Piccola caverna conduce due amanti ad ammirare l'insolito lago, 2020. Olio su tela (125x100 cm)

  • Passaggio improvviso di bolidi laser e finestra spazio temporale, 2021. Olio su tela (50x45 cm)
  • Azione di contenimento lama di fuoco e pratica chiarificazione prerogativa di un mondo dissonante, 2021. Olio Su Tela (85x70 cm)
  • Intrattenimento campestre fatto di ricordi con il ponte luminoso spaziale, 2020. Olio su tela (105x85 cm).
  • Parco costituito da zone alberate, attrezzatura giochi e arco a levitazione laser, 2019. Olio su tela (125x85 cm).
  • Riflessi insoliti mostrano cascata irreale, 2019. Olio su tela  (80x120 cm)
  • Interazione Visiva Di Paesaggio Con Scambio Temporale Di Ruoli Azioni. Diagonali, 2021. Carta E Colla (37x28 cm)
  • Interazione Visiva Di Paesaggio Con Scambio Temporale Di Ruoli Azioni Villaggio 2018. Carta E Colla (29,5x34,5 cm)
  • Tratti di paesaggio salgono e si uniscono, lontano una strada d'asfalto, 2019. Olio su tela (120x110 cm)
  • Vortice Indefinito Scavalca Bagnanti Durante Una Mattina Afosa, 2020. Olio su tela (120x80 cm)
  • Piccola caverna conduce due amanti ad ammirare l'insolito lago,  2020. Olio su tela (125x100 cm)
 

Massimiliano Zaffino nasce a Chiavari nel 1976, dove vive e lavora.

Conseguito il diploma di Maestro d'Arte all'Istituto d'Arte di Chiavari, si iscrive all'Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova. Nello stesso periodo, attirato dai fumetti, inizia un breve periodo nello studio del fumettista Renzo Calegari, grande maestro, che decide di fargli colorare alcune pagine a bullon, che è per lui il primo vero contatto con il colore.

Il vero cambio e la decisione di investigare la pittura nasce, però, durante gli anni accademici che sono proprio un trampolino di lancio per quello che poi sarà la scelta definitiva. 

Nella prima fase il suo lavoro viene ispirato da tagli fotografici con immagini di vita ordinaria. Questo lo porta ad una pittura illuminata che ha come finalità principale la relazione tra pittura di tradizione iperrealista e l'immagine "tout court". Le prime sue personali da GuidieSchoen e da Annovi Arte contemporanea (2006-2008) che vengono curate rispettivamente da Maurizio Sciaccaluga e Beatrice Buscaroli rappresentano per la sua formazione e lo studio dell'immagine quello che oggi è diventata la sua autonomia linguistica. 

Nel 2012 è invitato a presentare il suo lavoro al Premio Fondazione VAF (Posizioni attuali dell'arte Italiana) dove dialoga con artisti emergenti.

Nei lavori più recenti la ricerca lo conduce ad opere che creano un legame con una realtà apparente, stabilendo all'interno della cornice pittorica un canale visivo familiare. Le visioni bucoliche/campestri, rilette, puntano ad un mistero da sviscerare con il gioco dei due mondi paralleli senza tempo né storia. 

Oggi la sua ricerca continua e viene ben descritta da Massimo Pamio: 

"è un metafisico costruttivista che si concede imitazioni della natura in modalità moderne, stranianti. Un illusionista che si nasconde dietro il vetro del vero"